Sicurform ed il corso per addetti che accedono in spazi confinati

Sicurform ed il corso per addetti che accedono in spazi confinati

Il D.P.R. 177/2011 definisce le regole operative e procedurali per le aziende ed i lavoratori autonomi che operano negli spazi confinati ed approfondisce il tema già trattato nel D.Lgs. 81/08 e s.m.i.. Questa particolare attenzione è dovuta alla pericolosità degli ambienti, che spesso si trasformano in teatro di infortuni gravi e talvolta mortali.

Fra i punti trattati notevole importanza si attribuisce alla formazione. Essa deve essere erogata dal committente per i lavoratori che svolgeranno la propria attività lavorativa in spazi a confinati.

Tuttavia, tale decreto presenta passaggi pochi chiari, dando così adito a numerosi dubbi. Fra gli altri la mancanza di una precisa indicazione in merito alla durata ed ai contenuti che il corso deve avere.

Il corso Sicurform

Sicurform, nata dall’esperienza pluriennale di docenti, esperti e professionisti del settore, ha dato vita ad un corso di formazione  equilibrato e completo. Esso risponde alle esigenze di tutti i profili di chi può entrare in contatto con il rischio spazi confinati. Innanzitutto, la formazione Sicurform rispetta tutte le norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi, come da indicazioni del DPR 177/11 e dell’art. 73 del Decreto legislativo 81/2008 e s.m.i.

In secondo luogo, l’impostazione data al corso permette un passaggio diretto di conoscenze dai docenti ai discenti. Concetti di teoria e addestramento pratico si mescolano e si completano al fine di trasmettere le competenze necessarie per poter intervenire in spazi confinati nel rispetto delle norme.

Contenuti del corso

Il corso si sviluppa in due moduli distinti della durata di 4 ore ciascuno (vedi programma completo):

-La prima parte presenta ed introduce l’argomento a livello teorico, per fornire le giuste conoscenze sul soggetto della formazione: cosa si intende per spazio confinato o a rischio inquinamento? Quali sono i fattori di rischio dovuti alla sua natura e quali le misure di sicurezza da adottare per prevenire incidenti? Che normative regolano la materia? Come si scelgono i dispositivi di protezione da utilizzare? Questi ed altri approfondimenti sono supportati ed accompagnati da documentazione fotografica e video illustrativi.

-Il secondo modulo, invece, può essere considerato il “cuore pulsante del corso”: un addestramento pratico condotto e supervisionato da un docente esperto. Prima di tutto vengono illustrate le attrezzature specifiche per l’intervento in spazi confinati: rilevatori di gas, maschere, DPI III categoria, tripode. A seguire, un’esercitazione pratica fornirà l’ occasione per mettere in pratica le procedure da adottare nel corso delle lavorazioni in spazi confinati.

Al termine della formazione un test di apprendimento ha lo scopo di verificare la qualità della formazione. Inoltre permette ai partecipanti di ripercorrere i temi trattati nel corso della giornata.

La struttura Sicurform

Come si diceva, il punto di forza del corso di spazi confinati erogato dalla società Sicurform è senza dubbio il modulo di addestramento pratico. Grazie ad una struttura attrezzata ed equipaggiata pronta ad accogliere gli addetti mediante un sistema di botole, scale e tunnel è possibile simulare in massima sicurezza situazioni quotidiane di vita lavorativa. Un metodo diretto ed efficace per mettere in pratica i concetti appresi a livello teorico.

Durata del corso

Una problematica irrisolta sia dal D.P.R. 177/2011 che dal D.gls 81/2008 riguarda la durata della formazione.

Sicurform, grazie alla sua esperienza nel settore, ha sviluppato un percorso di otto ore durante il quale conferisce concetti sia di ordine teorico che pratico. Si è ritenuto infatti che una giornata di formazione  fosse necessaria per l’erogazione di un corso base rivolto agli addetti che accedono in buca.
Un durata inferiore non sarebbe sufficiente per poter trasmettere tutti i concetti principali delle attività in spazi confinati. Allo stesso tempo, permette di far vivere ad i partecipanti un’esperienza utile e verosimile.

In previsione di interventi più complessi e di richieste particolari da parte dei clienti, Sicurform è a disposizione per progettare percorsi personalizzati. La durata può essere variabile e superiore alle 8 ore, per permettere un approfondimento di aspetti particolari e mirati.

Si specifica inoltre che il corso  di cui sopra si rivolge ad operatori la cui mansione prevede l’accesso negli ambienti confinati. Sono estromesse informazioni di interesse per committenti e datori di lavoro o responsabili della sicurezza. Per queste ultime figure, se non anch’esse a diretto contatto con gli ambienti a rischio, esistono percorsi formativi alternativi. Essi offrono approfondimenti relativi a responsabilità, normative e prassi da attuare nella gestione degli ambienti confinati e a rischio inquinamento.

A chi è rivolto il corso

destinatari del corso sono aziende, professionisti, imprese ed operatori che lavorano o possono potenzialmente lavorare in presenza di ambienti confinati e a rischio inquinamento. Di seguito alcuni esempi:

  • addetti alla bonifica delle vasche navali
  • addetti alla pulizia dei forni ceramici
  • addetti alla pulizia di silos, vasche e cisterne
  • addetti all’accesso in pozzi, tombini, rete fognaria

Approfondisci il contenuto del corso Sicurform

1 commento

Trackbacks & Pingbacks

  1. […] Scopri la risposta Sicurform ai dubbi del D.P.R. 177/2011 […]

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.