La formazione: strumento di arricchimento personale, professionale e preventivo

“Se dai un pesce ad un uomo, lo hai sfamato per un giorno, se gli insegni a pescare, lo hai sfamato per tutta la vita”

Tutti da piccoli abbiamo pensato almeno uno volta che studiare sia terribilmente noioso. Probabilmente ancora oggi, che siamo ormai cresciuti, continuiamo a guardare lo studio con occhi stanchi. Tuttavia, divenendo adulti, si sviluppa anche la consapevolezza che la formazione non è solo un obbligo normativo imposto dall’esterno ma un arricchimento che permette di affinare e migliorare il proprio rapporto con la vita personale e lavorativa.

La formazione professionale

Quando si parla di formazione a fini lavorativi, nello specifico, si intendono tutti quei corsi, seminari e nozioni che permettono di affinare la propria preparazione e di adeguarsi al settore di appartenenza. Qualificazione, specializzazione, aggiornamento e perfezionamento: sono tutti concetti chiave derivanti da una buona e costante formazione.
Da cui due grandi benefici per le aziende ed i lavoratori che operano in campi nei quali entra in gioco la sicurezza :

  • Avere personale qualificato, competente e aggiornato è un vantaggio indispensabile per rimanere competitivi su un mercato sempre più saturo. Persone preparate che padroneggiano competenze pratiche e risolutive permettono di adeguarsi al proprio settore e di offrire soluzioni innovative e di qualità in risposta alle esigenze dei propri clienti/utenti.
    La formazione del personale aumenta il valore dell’impresa, migliora l’immagine aziendale, aumenta la motivazione dei lavoratori, il capitale umano dell’impresa. In un periodo dove l’originalità e l’innovazione dei prodotti ha durata breve, la qualità e professionalità delle risorse umane rappresenta il valore competitivo che permette all’impresa di differenziarsi.

 

  • Formazione di qualità significa prevenzione. Circondarsi di addetti preparati e competenti, in grado di eseguire procedure operative che rispettino le normative e le caratteristiche specifiche del proprio luogo di lavoro, è un fattore incisivo nella tutela dei propri lavoratori o in quella di se stessi e dei proprio colleghi.
    Come specificato poco sopra, la formazione non va vissuta come forzatura o obbligo morale, ma come valore aggiuntivo nella gestione del personale.
    Non bisogna mai dimenticare che ogni persona ha il diritto di lavorare ma, prima ancora, ha il diritto di vivere e di poter svolgere il proprio lavoro in massima sicurezza.

La formazione non basta

Tuttavia, si può pensare che la formazione sia la chiave di tutto? Assolutamente no. E’ sicuramente un buon inizio ed un ottimo strumento di prevenzione/tratto distintivo sul mercato, ma porta risultati se e solo se è inserita in un sistema di lavoro funzionante ed efficiente. Non può risolvere carenze strutturali, né proporsi come soluzione a strumenti di lavoro non idonei.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.